Wearable device Made in Italy: aumento di capitale di 500.000 euro per Deed

Deed, la startup incubata in I3P – Incubatore d’Imprese Innovative del Politecnico di Torino, ha conquistato gli investitori con il wearable device get™, che sfrutta la tecnologia della ​bone conduction,​ ​ed è pronta a lanciare su Kickstarter un crowdfunding internazionale.

***

Deed, la startup tutta italiana che punta a rivoluzionare il mondo dei wearable devices, ha ottenuto il suo primo Seed superiore ai 500.000 euro. L’aumento di capitale è stato sottoscritto da un club deal di private investors e angels, specializzati in investimenti in startup e aziende operanti nel settore IT e nuove tecnologie.

Edoardo Parini, CEO e fondatore di Deed, dopo un periodo di 5 anni trascorso in Svizzera, ha deciso di sfruttare l’esperienza acquisita per tornare e di investire sull’Italia.
A Torino nel Maggio 2016 insieme al fratello gemello Emiliano, ha fondatoDeed, la risposta italiana al mondo dei wearable device. La scelta di spostarsi a Torino “non è stata casuale, dal momento che l’I3P, Incubatore d’Imprese Innovative del Politecnico di Torino, risulta essere una degli incubatori più rinomati e consolidati nel panorama Europeo”, spiega Edoardo Parini.

L’operazione di aumento di capitale “è stata agevolata dall’intervento del finanziatore toscano Mario Bartolini, in rappresentanza del family office Corniola, società di investimenti e partecipazioni che ha assunto il ruolo di anchor investor e di promotore del club deal”, commenta Edoardo Parini.

L’aumento di capitale e i nuovi partner permetteranno a Deed di lanciare nel corso del 2019 una campagna di crowdfunding sulla piattaforma americana Kickstarter per introdurre  sul mercato internazionale il suo primo prodotto, get™. “Per poter definire al meglio tutte le funzionalità di get™ – aggiunge Edoardo – abbiamo coniato la parola smart-bridge, per esprimere il concetto di un unico dispositivo che offre ​le funzionalità di uno smart-watch ​e di un ​fitness-tracker”.​

Il dispositivo get™ sfrutta la tecnologia della ​bone conduction, in grado di fornire una nuova esperienza d’uso totalmente immersiva per l’utente: bastaavvicinare il proprio ​dito all’orecchio per ​ascoltare i contenuti, ​rispondere a notifiche o dettare istruzioni ai differenti assistenti vocali (Siri, Alexa, Google), senza la necessità di utilizzare auricolari o altoparlanti. Inoltre get™ permette ditracciare l’attività fisica​,​ il ​ciclo del sonno ma sopratutto di effettuare ​pagamenti in tutta sicurezza. Infatti  attraverso il fingerprint, il bracciale è in grado di riconoscere l’​identità dell’utente che lo indossa, preservandone privacy e aumentandone l’affidabilità.
Il bracciale non necessita di alcun display, poiché grazie ad un’apposita funzionalità è possibile personalizzare un set di gesti è possibile accedere alle applicazioni desiderate.

Deed ha investito molto sull’estetica, l’ergonomia e il design di get™. Per conciliare tali caratteristiche, Deed sfrutta tecniche innovative brevettate che permettono di ottenere prodotti unici, privi di cuciture, leggeri e resistenti all’acqua. Get™ è costituito da vari strati di tessuto laminati tra di loro in un processo innovativo di incollaggio pulito ed ecosostenibile, tutto Made in Italy.“È una grande soddisfazione vedere il successo di una startup che si è sviluppata grazie anche al supporto di I3P e al network che l’incubatore riesce a creare: allo stesso tempo, rappresenta un esempio e uno stimolo per i giovani imprenditori che intendono puntare sulle proprie idee”, sottolinea Giuseppe Scellato, presidente di I3P. “L’aumento di capitale conferma le potenzialità del prodotto proposto daDeed: la startup è stata in grado di creare una vera e propria ‘piattaforma integrativa’ che può conquistare non soltanto i consumatori, ma anche le aziende”.

Agenzia PressPlay
Agenzia PressPlay

Comments are closed.