Con Cuochingiro e Gnammo lo street food diventa social

Unire social eating e street food: da questa idea nasce Street Social Food, la rassegna di Cuochingiro e Gnammo che porterà in tavola, in numerose città italiane, il cibo di strada di qualità e km0, servito on the road da professionisti della ristorazione.

***

Mangiare. Insieme. In piazza. Dalla sinergia di questi elementi nasce Street Social Food, la rassegna realizzata dall’Associazione Culturale Enogastronomica Cuochingiro e Gnammo per unire social eating e cibo di strada. Perché lo street food non è tutto uguale: gustato con gli altri è meglio.

Con l’idea di valorizzare lo street food di qualità, a km zero e che incrocia la sostenibilità ambientale, e creare un legame con la proposta gastronomica del social eating, Cuochingiro e Gnammo faranno tappa in numerose città italiane organizzando eventi in cui il cibo di strada, servito on the road da professionisti della ristorazione, sarà gustato in un contesto dove la socialità nasce e cresce intorno al social network per antonomasia: la tavola.

La rassegna prende il via da Grugliasco (TO) dal 22 al 25 aprile, per poi proseguire a Reggio Emilia (19-21 maggio), Monterotondo (RM) (10-11 giugno), Febbio (RE) (16-18 giugno), Umbertide (PG) (7-9 luglio) e concludersi a Ferrara (17-18 luglio).

Per partecipare è necessario prenotare il proprio posto tramite la piattaforma di Gnammo (www.gnammo.com)

La conferenza stampa di presentazione del progetto Street Social Food si svolgerà sabato 22 aprile alle ore 18.00 a Grugliasco (TO).

Interverranno:
– Francesco Piperis (Responsabile Comunicazione Cuochingiro)

– Cristiano Rigon (Ceo Gnammo)

– Alessandro Braglia (presidente Cuochingiro)

– Stefano Dell’Arti/Luca Brondetta (Incibus, intolleranze alimentari)

– Slow Food

Seguirà cena di social eating con i giornalisti presenti

Agenzia PressPlay
Agenzia PressPlay

Comments are closed.