Pitch on the beach 2015: interviste e nuove startup sotto l’ombrellone a I3P

Martedì 14 Luglio, alle 17, l’Incubatore del Politecnico di Torino ospita l’edizione 2015 di “Pitch on the beach”: un evento “non-convenzionale” organizzato da Treatabit per conoscere le migliori innovazioni targate I3P dialogando sotto l’ombrellone con i loro ideatori. Tra le startup presenti all’evento: Immodrone, Laces, Sherlock e Yamgu.
Ad aprire l’appuntamento, le interviste del giornalista di “Nòva24” Luca De Biase che farà il punto sull’innovazione in Piemonte con Marco Peretti, imprenditore seriale torinese, e Cristiano Esclapon, investitore seriale. 

***

Martedì 14 Luglio, a partire dalle 17, il roof garden di I3P torna a trasformarsi in una spiaggia cittadina per ospitare “Pitch on the beach 2015”, un Beach Start Up Party, tra ombrelloni e degustazione di vini, nel corso del quale verranno presentate le migliori imprese ospitate nell’incubatore del Politecnico di Torino.
L’evento, organizzato da Treatabit – il percorso d’incubazione per startup digitali di I3P -, all’interno del programma Startup Revolutionary Road, si aprirà con le interviste di Luca De Biase, giornalista e scrittore, responsabile di “Nòva24” e autore del libro “Homo Pluralis. Essere umani nell’era tecnologica”.
A rispondere alle domande di Luca De Biase sull’innovazione in Piemonte saranno l’imprenditore seriale torinese Marco Peretti, creatore di imprese di successo a livello internazionale come SecureWave, NeoValens e BeyondTrust, e Cristiano Esclapon, gestore e founder di diversi veicoli di investimento, tra cui Club Italia Investimenti 2.

Seguiranno le mini-interviste a sei nuove startup: un modo per introdurre le storie e le idee che animeranno questo evento “non-convenzionale”. A Pitch on the beach, infatti, il pubblico potrà toccare con mano le innovazioni, presentate in diverse aree espositive, dialogando sotto l’ombrellone con i loro ideatori. Tra le startup targate I3P presenti all’evento: Immodrone, Laces, Sherlock e Yamgu.

Valorizzare gli immobili attraverso foto e video realizzati con l’ausilio di droni. È l’idea di Immodrone, startup operante nel campo del marketing immobiliare, che in occasione di Pitch on the beach farà volare i suoi apparecchi, utilizzati per promuovere e monitorare al meglio le proprietà immobiliari.

Creare una palestra virtuale dove i clienti possano trovare lezioni create dai trainer ovunque essi siano, è invece la rivoluzione lanciata dalla piattaforma Laces che grazie ad uno zaino per il fitness multifunzionale, facile da usare e da trasportare, permetterà a chiunque lo possieda di allestire un’area di allenamento.

Tra le innovazioni presentate a Pitch on the beach, anche quelle in ambito mobilità. Un esempio è Sherlock, dispositivo antifurto GPS, collegato a un’app per smartphone, che consente di localizzare la bicicletta con precisione e ritrovarla in caso di furto. Sherlock è inserito all’interno della struttura della bici ed è progettato per essere installato in modo semplice.

Da esperienze di viaggio condivise, infine, è nata Yamgu, una piattaforma di social travelling che integra informazioni e contenuti inseriti dagli utenti per creare percorsi di visita personalizzati e aggiornati in tempo reale. Altra caratteristica di Yamgu, è la possibilità di scoprire cosa accade in città attraverso le foto e i commenti condivisi in rete da chi la vive.

Scarica il press kit I3P

Agenzia PressPlay
Agenzia PressPlay

Comments are closed.