A cena con l’Alveare: a Torino la rassegna che unisce social eating e cibo a km0

gnammoalv

Promuovere la filiera corta, l’agricoltura locale e il cibo a km0 unendo tradizione e tecnologia: con questa idea i produttori de L’Alveare che dice Sì!, startup che promuove un modo tutto nuovo di fare la spesa, arrivano sulle tavole di Gnammo, il portale di social eating più grande e attivo in Italia. Con la rassegna “A cena con l’Alveare, i prodotti degli Alveari di Torino incontrano la community di Gnammo nel corso di 10 cene che si svolgeranno tra luglio e settembre e che saranno preparate con gli ingredienti freschi e genuini dei produttori piemontesi.

***

Piatti stagionali, freschi e genuini: saranno loro i protagonisti delle tavole estive torinesi grazie alla rassegna “A cena con l’Alveare”, nata dalla collaborazione tra L’Alveare che Dice Sì!, startup che promuove un modo tutto nuovo di fare la spesa, e Gnammo, il portale di social eating più grande e attivo in Italia.

Scopo dell’iniziativa è unire tradizione e tecnologia, promuovendo l’agricoltura locale e la filiera corta e portando sulle tavole condivise ricette preparate con gli ingredienti dei produttori degli Alveari di Torino.

L’Alveare che dice Sì!, tramite il portale www.alvearechedicesi.it, permette infatti a produttori locali e consumatori di unirsi per sostenere il consumo di prodotti freschi, genuini e a Km 0 come frutta, pane, verdura, formaggi, salumi e dolci. Le ordinazioni e il pagamento avvengono comodamente online. Produttori e consumatori si incontrano poi settimanalmente per la distribuzione dei prodotti in un luogo “fisico” come un bar, un ristorante, una sala di un’associazione.

La rassegna, che prevede 10 eventi tra luglio e settembre, prenderà il via sabato 15 luglio: durante ogni appuntamento i cuochi di Gnammo porteranno in tavola i prodotti acquistati facendo la spesa tramite L’Alveare che dice Sì! presso i produttori piemontesi che fanno parte della rete degli Alveari di Torino, tra cui San Salvario, Vanchiglia, Mirafiori, Grugliasco, Barriera di Milano e GustiSani Club.

“Condivisione e cibo genuino dovrebbero essere le parole chiave di ogni cena che si rispetti”, spiega Eugenio Sapora, Responsabile Nazionale della Rete de L’Alveare che dice Sì!. “Insieme a Gnammo vogliamo portare questo messaggio direttamente nelle case dei torinesi e dare l’opportunità ai consumatori e ai cuochi di scoprire direttamente a tavola i sapori locali e di stagione”.

“La community di Gnammo, che conta ormai oltre 200.000 utenti, nasce con l’intento di mettere in comune saperi, sapori ed esperienze: ospitare nelle cene social i produttori de L’Alveare che dice Sì! è un’occasione per dimostrare, ancora una volta, quanto il social eating possa essere importante per rivalutare il cibo e il suo ruolo nella promozione di uno stile di vita sano”, aggiunge Cristiano Rigon, founder di Gnammo.

Agenzia PressPlay
Agenzia PressPlay

Comments are closed.